Ministranti


I Ministranti fanno festa con il Cardinale in Cattedrale 


Un tempo si chiamavano chierichetti, adesso ministranti. La maggioranza sono di genere maschile, ma ci sono anche delle ragazzine. Tutti servono all’altare con l’entusiasmo di sempre, considerando un privilegio stare a contatto con Gesù Eucaristia. Venerdì scorso, come consuetudine i ministranti dell’Arcidiocesi di Palermo si sono stretti attorno all’Arcivescovo Paolo Romeo per la solenne celebrazione Eucaristica di fine anno che ha avuto luogo in Cattedrale.

“Il ministrante deve amare Dio con tutte le forze non soltanto in chiesa – ha detto il cardinale durante l’omelia – ma anche nella vita di ogni giorno e amare anche il prossimo. Sono queste le direttrici che debbono contraddistinguere la sua vita. In questo anno della Fede che per la nostra Arcidiocesi assume una importanza particolare perché sarà beatificato padre Pino Puglisi, dovete guardare a lui e scoprire l’amore che Dio nutre per ognuno di voi. Quest’anno siete attesi da tre impegni che non dovete disertare: il primo sabato 9 febbraio 2013, alle ore 16 presso la Parrocchia di San Gaetano a Brancaccio dove padre Puglisi svolse gli tre anni del suo ministero, riservato dai ministranti dei vicariati urbani (I, II, III, IV), il secondo il 9 marzo 2013, sempre alle ore 16 presso la Parrocchia Maria Santissima Immacolata a Godrano dove il prete ucciso dalla mafia stette sette anni per i ministranti dei vicariati extraurbani (V e VI). Gli incontri saranno tenuti dal Vescovo Ausiliare mons. Carmelo Cuttitta che da bambino fu uno dei chierichetti di padre Puglisi. Ma soprattutto l’appuntamento a cui nessuno può mancare è quello in programma il prossimo 25 maggio 2012, quando a Palermo si svolgerà la celebrazione di beatificazione. E’ un appuntamento al quale non dovete mancare per camminare sui sentieri che Dio ha tracciato per ognuno di voi e che possono essere anche quelli della vocazione al sacerdozio”.

Al termine della celebrazione Eucaristica, i ministranti, per mano del delegato don Fulvio Iervolino hanno regalato all’Arcivescovo una tegola con un dipinto raffigurante la Cattedrale e un album di foto con i momenti più belli dello scorso anno, mentre il cardinale ha regalato ai ministranti una piccola tegola raffigurante un ministrante con il turibolo.

Ministranti

Print Friendly, PDF & Email